Prenota il tuo soggiorno in tutto il mondo in un click! #dormoqui

  • +15.000 hotel, b&b appartamenti
  • Tariffa più bassa garantita!
  • Prenoti online e paghi direttamente all'arrivo

Condividi con i tuoi amici: 6 posti misteriosi, quello che devi sapere

Attiva Disattiva

6 posti misteriosi, quello che devi sapere

 ›
 ›
 › 6 posti misteriosi, quello che devi sapere

Esistono diversi tipi di viaggiatore: c’è chi ama sdraiarsi al sole o essere coccolato in magnifiche spa durante una vacanza all’insegna del relax e del dolce far niente e poi c’è chi si annoia a rimanere con le mani in mano e che vuole vedere posti fuori dal comune in cui l’avventura si mescola ad un pizzico di mistero.

Ecco qui una lista di 6 posti misteriosi e di quello che si deve sapere per apprezzarli al meglio.

Stonehenge
Stonehenge


Il viaggio tra i luoghi misteriosi parte dall’Inghilterra, da uno degli emblemi mondiali del mistero: Stonehenge.
Si tratta di un sito in cui ci sono 30 gigantesche pietre, pesanti oltre 45 tonnellate l’una, sistemate in verticale a formare un cerchio perfetto. Queste pietre si allineano con l’orizzonte durante i giorni di solstizio ed equinozio. Stonehenge è stato eretto dai Druidi, sacerdoti Celti, tra i 5000 ed i 3000 anni fa quando non esistevano ancora gli utensili di metallo; per questo motivo non si riesce ancora a spiegare come possano essere stati scolpiti i massi e tanto meno l’utilizzo che ne facevano i Druidi: luogo religioso, osservatorio astronomico o altro.

Loch Ness
Loch Ness


Sempre In Gran Bretagna, più precisamente in Scozia si può visitare uno dei luoghi più misteriosi del mondo: il lago di Ness. Conosciutissimo e amatissimo dai turisti che ne affollano le rive, per i residenti la leggenda del mostro di Loch Ness è diventata un’occasione di business che porta lavoro e denaro nella valle di Gret Glenn. 
Si tramanda da generazioni che sul fondo del lago viva un mostro dall’aspetto misterioso, soprannominato Nessie. Il primo avvistamento del mostro di Loch Ness è avvenuto nel 565 d.C. quando il monaco San Colomba di Iona descrisse, con dovizia di particolari, il funerale di un abitante del luogo morto dopo essere stato attaccato da “una selvaggia bestia marina”. Da quel momento ebbe inizio la leggenda del mostro di Loch Ness che ancora oggi suscita molto interesse grazie anche ai diversi avvistamenti, con tanto di foto, avvenuti in tempi recenti.

Linee di Nazca Colibrì
Linee di Nazca Colibrì


Altro posto misterioso si trova in Perù, si trovano le misteriose linee di Nazca che sono composte da una serie di oltre 13.000 linee tracciate nel terreno di un altopiano desertico, le quali che si estendono per oltre 50 chilometri tra la città di Nazca e di Palpa.
Le misteriose linee formano più di 800 figure, distinguibili solo dall’alto, che rappresentano le figure stilizzate degli animali comuni in quella zona come il pappagallo, il colibrì o la lucertola.
Gli esperti hanno cercato di spiegare il mistero sull'origine delle linee attribuendone la realizzazione alla Civiltà Nazca tra il 300 ed il 500 d.C. ma non tutto è chiaro ed il mistero dura ancora.

Isola di Pasqua
Isola di Pasqua


L’isola di Pasqua conserva sulle sue coste un mistero che ancora oggi non si riesce a spiegare del tutto: l’origine e l’utilizzo dei monoliti chiamati Moai o Giganti dell’Isola di Pasqua.
I Moai sono gigantesche statue raffiguranti volti umani che sono state ricavate da un unico blocco di tufo vulcanico. L’altezza di queste enormi statue va da 2,5 metri fino a 10 metri anche se spesso si possono vedere solo le teste perché il corpo sottostante è interrato; inoltre possono arrivare a pesare fino a 86 tonnellate. 
Gli studiosi hanno scoperto che i Moai venivano scolpiti direttamente all’interno delle cave di tufo per poi essere trasportati fino alla costa dove sono tutt’ora collocati. Il mistero sul loro significato e sul metodo del loro trasporto sono tutt’oggi senza risposte complete anche se diversi esperti, nel corso degli anni, hanno condotto numerosi studi sui Giganti dell’Isola di Pasqua.

Ponte del Diavolo
Ponte del Diavolo


Anche in Italia si possono visitare luoghi pieni di mistero come il Ponte del Diavolo che si trova a Borgo a Mozzano in provincia di Lucca. Il vero nome è “Ponte della Maddalena” ma è stato ribattezzato da tutti “Ponte del Diavolo” per la leggenda che accompagna la sua costruzione.
La struttura risale al 1300 e la leggenda vuole che la costruzione del ponte sia durata una sola notte, grazie all’intervento del demonio in persona. Ma in cambio del suo aiuto, il diavolo pretese che la prima anima che avesse attraversato il nuovo ponte sarebbe stata sua per l’eternità. La leggenda narra che il primo essere ad attraversare il fiume fu un cane che ancora oggi fa udire i suoi latrati disperati dalla prigionia. (Leggi anche i Ponti più belli del mondo)

Bosco Romagno
Bosco Romagno


L’ultima tappa del viaggio tra i sei luoghi misteriosi è il parco di Bosco Romagno, in Friuli Venezia Giulia. Una leggenda narra che verso la metà del XIX secolo, la notte del 31 dicembre la carrozza di un “signore” trainata da 12 cavalli correva a perdifiato per sfuggire all’agguato di alcuni lestofanti ma il destino volle che sia il cocchiere che il suo padrone morissero cadendo in un pozzo senza fondo. Si narra che ancora oggi, allo scoccare della mezzanotte di ogni 31 dicembre, la folle corsa della carrozza si ripeta.
Il pozzo in cui caddero i due sventurati è stato di recente recintato ed è possibile visitarlo, mentre si passeggia per il parco naturale.